Chiostro delle Rane

  • Non solo Piazza del Duomo, Darsena e Porta Venezia: Milano nasconde tante piccole bellezze, spesso sconosciute ai più, che però non hanno nulla da invidiare ai più rinomati monumenti cittadini. Bibite Sanpellegrino va alla scoperta dei cortili segreti in città, per fuggire un momento dal clamore turistico o semplicemente riprendere fiato durante una giornata impegnativa: il verde, si sa, fa bene al cuore!

    Il Chiostro delle Umiliate è uno dei giardini più semplici e più evocativi: costruito nel Quindicesimo secolo, deve il suo nome all’omonimo ordine chiericale, nato in contrapposizione agli eccessi del tempo, quegli stessi eccessi tanto ripresi nella storia della letteratura italiana. E’ un luogo ameno, situato nei pressi della Basilica di Sant’Ambrogio, che unisce la semplicità dell’architettura alla bellezza della flora, rose comprese.

    Di tutt’altro stampo, invece, il Giardino di via Terraggio: anche in questo caso si tratta di un cortile segreto, al suo interno tuttavia non si trovano tranquillità o silenzio, ma le voci giocose e allegre dei bambini. Se dall’esterno potrebbe sembrare un semplice e noioso portone, una volta varcato si entra in un parco giochi nascosto, una piccola chicca per i più piccoli. E’ rimasto chiuso al pubblico per settant’anni, ma grazie agli abitanti del quartiere ha ripreso vita, aprendo le sue porte ai fortunati che lo conoscono.

    Per gli amanti delle passeggiate artistiche, il Cortile degli Scultori è la scelta più adatta: il suo nome è preso dagli scultori impiegati al Cimitero Monumentale, e anche dalla scuola che istruisce i suoi studenti su questa complessa, ma affascinante, disciplina artistica. E per chi preferisce i grandi classici, ecco il Giardino degli Atellani: sempre in zona Sant’Ambrogio, un maestoso e verde giardino, che ospita anche la Malvasia di Candia, la “Vigna di Leonardo”. Un tocco di campagna anche in una città (sorprendente) come Milano!