Curcuma e sambuco tra le tendenze alimentari 2018

  • Tendenze alimentari del 2018: fiori nelle insalate e cucina di scarti

     

    Si sa, le tendenze in campo alimentare cambiano di anno in anno e spesso anche in base alla posizione geografica. 
    Se il 2017 è stato l’anno dei cibi fermentati, del cioccolato e del caffè in tante versioni, cosa ci aspetterà per il 2018?
    Quello che è sicuro è che con il passare degli anni i consumatori stanno andando sempre più alla ricerca della genuinità e della qualità degli alimenti che assumono.
    Aumenta quindi la produzione biologica e l’attenzione per ogni tipo di contenitore che salvaguardi l’ambiente. A trionfare saranno i funghi destinati al brodo, i fiori nelle insalate, le polveri proteiche e i piatti ricavati dagli scarti. Non mancheranno bevande e spuntini che varieranno in base alla stagione.
    Troveremo inoltre bevande al latte aromatizzate alla lavanda, ghiaccioli, granite alla rosa, gelati alla violetta e tè all’ibisco rosa, mentre il sambuco sarà il nuovo Most Wanted per cocktail e bevande frizzanti.

    Più attenzione alla salute

    In questo 2018 grande spazio troveranno i funghi funzionali (noti agli ambienti wellness e sportivi per le loro proprietà antinfiammatorie ed energetiche) destinati ai brodi, alle bevande e persino al caffè come sta avvenendo in Finlandia.

    Le polveri come la curcuma, il cacao e la matcha avranno un ruolo importante soprattutto per dare un pizzico di energia in più quando si ha bisogno. Mescolate in cioccolate, frullati o bevande energizzanti sono un ottimo toccasana per non esaurire le forze.

    Ruolo di primo piano avranno anche i fiori nelle insalate. Già apprezzati lo scorso anno, oltre ad avere numerose proprietà benefiche si sposano alla perfezione con dolci, bibite, acque minerali e tisane.

    Tutta da scoprire invece la cucina fatta con gli scarti. Molto popolare soprattutto in Brasile, nasce dal desiderio comune di dare una mano all’ambiente e ridurre gli sprechi.
    Dalle bucce dei limoni, dalle parti avanzate dei vegetali o dal cuore della frutta è possibile ottenere dolci o secondi piatti di ottimo livello.