Snood Kitchen, il gatto delle nevi che porta la buona cucina in alta quota

Schede primarie

  • QUANDO L'AMORE PER LA CUCINA INCONTRA LA MONTAGNA

    Cosa succede quanto l’amore per la cucina si lega all’amore per la montagna? La risposta ce la dà Andrea Campi, chef dell’Osteria al Dosso ad Aprica con la sua sorprendente invenzione: un gatto delle nevi gourmet. Perché se in città esiste lo street food in montagna è nata, proprio grazie a Campi, la snood kitchen (termine nato dalla fusione tra snow e food) un’idea originale che coniuga le due più grandi passioni dello chef milanese: buona cucina e montagna. Sette metri di lunghezza e quattro di altezza, per un totale di undici tonnellate, il gatto delle nevi gastronomico di Campi in grado di operare anche a -30° posta le prelibatezze tradizionali della cucina valtellinese a 2.000 metri d’altezza.

    Il mix perfetto di tradizioni gastronomiche e nuove tecnologie

    Al fine di creare piatti unici, realizzati con prodotti sani e legati al territorio, Andrea ha stipulato accordi con i produttori locali di formaggio, speck, mele e uva. «La mia idea è quella di portare fino alle piste le specialità del territorio, non in piatto ma servite direttamente dentro il nostro pane. Il gatto diventerà un amplificatore di eccellenza» ha dichiarato l’innovativo chef. Nella zona adiacente il battipista è stata anche creata una guest area con tavoli e seduti per gustare i piatti creati dallo chef. L’innovazione di Campi, però, non si limita a questo ma include aspetti ancora più tecnologici: dalla connessione Wi-Fi gratuita alla web radio, senza dimenticare un punto di ricarica per cellulari e tablet. Inoltre, grazie al sistema di pagamento Tag RFID, ogni sciatore-cliente ha la possibilità di caricare di credito un piccolo microchip adesivo (da applicare sul casco) che consente di pagare la consumazione senza dover metter mano al portafogli. Grazie a un software posizionato al suo interno, infatti, il gatto rileverà l’ordinazione scalando automaticamente il credito. Questa metodologia di pagamento, che registra tutte le ordinazioni, è utile soprattutto per capire quali sono i piatti maggiormente apprezzati e quali meno. Sebbene nato tra la neve e le montagne, l’innovativo gatto delle nevi di Campi è adatto anche ai contesti urbani e alla località marittime. Proprio per questo motivo, con l’arrivo della bella stagione, la snood kitchen è sbarcata a Riccione. Il menù, pur rimanendo tipico di montagna, è stato contestualizzato all’estate con insalate di cereali, mix di frutta e panini farciti con verdure biologiche, per portare (anche) al mare il sapore dei monti valtellinesi.