Il Pane Cunzato Tipico della Sicilia

  • Ne esistono diverse varianti, ciascuna da assaporare per farsi trasportare tra i luoghi e le atmosfere della Sicilia: il pane cunzato è un prodotto tipico della parte occidentale dell’isola, che conquista per la sua semplicità e la bontà delle materie prime con cui è realizzato: si tratta di un semplice pane, spesso consumato appena sfornato, che si presta a essere condito in diversi modi, tutti ugualmente gustosi.

    La ricetta originale del pane cunzato

    La ricetta è originaria del trapanese e dà vita a un pane morbido all’interno e croccante all’esterno, che una volta tagliato per il lungo si presta a essere farcito, più o meno abbondantemente, per una pausa gustosa. Secondo il procedimento originale, il pane cunzato è farcito con pomodoro a fette, formaggio primo sale a fettine, sarde salate, olio fresco e un pizzico di origano: una ricetta che celebra le sue origini mediterranee e incanta ogni assaggiatore! La bellezza di questo street food è che è possibile abbondare con gli ingredienti a proprio piacimento, senza timore di rovinarne il sapore: il segreto sta tutto, infatti, nella bontà delle materie prime, da preferire genuine.

    Il pane della disgrazia

    Ma perché questo nome bizzarro? Il pane cunzato è anche detto “pane della disgrazia”, perché spesso rappresentava l’unico alimento portato sulle tavole contadine o comunque meno abbienti, da qui anche la semplicità e la facile reperibilità degli ingredienti. Le donne farcivano, anzi “cunzavano” il pane per gli uomini della famiglia, tornati dal lavoro, garantendo così un pasto completo e ristoratore.

    Il posto perfetto dove andare a provarlo? Senza dubbio è Scopello, una frazione di Castellamare del Golfo, conosciuto per il suo antico forno a legna in cui è sempre possibile trovare una lunga fila di abitanti e turisti che si recano a provare l’originale pane cunzato.

    Non resta che organizzare un gita e una sosta nel gusto!