• Conosciuto sin dai tempi dei romani, la muffuletta è diventata nel corso dei secoli uno dei panini più conosciuti della cucina siciliana, costruendosi una notorietà tale da varcare i confini e arrivare oltreoceano e più precisamente a New Orleans, dove nel 1906 l’italiano Salvatore Lupo diede vita al muffoletta sandwich inserendolo a pieno titolo nel menù del suo Central Grocery Store.

    Dall’aspetto apparentemente semplice e rotondo, il segreto della muffoletta si nasconde sotto la scorza, dove idealmente si dovrebbe trovare una mollica soffice, insaporita spesso da semi di finocchio o anice, che gli donano un piacevole profumo.

    E se a New Orleans viene prevalentemente farcito con salame piccante, mortadella, olive, cipolle in agrodolce e formaggio a pasta dura, in Sicilia viene spesso arricchita con semplice sale e olio d’oliva, oppure con ingredienti della tradizione come pomodori secchi, sarde e caciocavallo, ricotta e miele.

    Consumato prevalente durante le feste, come l’Immacolata concezione, il giorno di San Martino oppure quello dei Morti, questo panino è diventato presto un piatto consumato tutti i giorni dell’anno e simbolo dello street food siciliano.