Solo prodotti siciliani al Mercato San Lorenzo di Palermo

Showcooking e presentazioni al Mercato San Lorenzo di Palermo

  • Un po’ bottega, un po’ ristorante: è il Mercato San Lorenzo di Palermo, fiore all’occhiello del capoluogo siciliano per quanto riguarda il panorama food. Unendo concetti contemporanei alla bontà della cucina tradizionale, il risultato non può che essere strepitoso, dando vita a un nuovo punto di riferimento per tutti gli amanti del buon cibo.

    Come nasce il Mercato San Lorenzo

    Nato nel 2016 sulle fondamenta di una fabbrica di derivati agrumari, il Mercato San Lorenzo si presenta come un mercato coperto che include 250 fornitori da tutta l’isola, per permettere ai propri clienti di conoscere e provare varie realtà enogastronomiche. Sottolineando l’importanza della produzione a chilometro zero e della stagionalità dei prodotti, al Mercato è possibile vivere un’esperienza a 360° gradi, passando dal semplice acquisto delle materie prime all’assaggio di prodotti, proprio come in un ristorante, fino ad arrivare a iniziative legate al mondo della cucina, come showcooking o presentazioni.

    Il meglio della produzione locale siciliana

    Salumeria, pastificio, friggitoria, ma non manca la più originale carnezzeria o le tradizionali pescheria e gelateria: il San Lorenzo si configura come uno spazio perfetto per i turisti, per chi desidera entrare in contatto non solo con i piatti della cucina sicula ma anche con i prodotti della Sicilia, dai più noti agrumi fino a carne o pesce pregiato, non dimenticandosi del vino, elemento molto caro all’isola. Anche i siciliani stessi, però, sapranno trovare nel San Lorenzo uno spazio adatto alle loro esigenze, magari scoprendo produttori locali ed esplorando tradizioni dimenticate.

    I dettagli vintage del Mercato

    Oltre a soddisfare il palato, il Mercato è una location che pensa anche alla vista: tutte le ambientazioni sono molto curate, con un occhio a dettagli più vintage e che possano creare la giusta atmosfera tradizionale. Suppellettili antiche, colori delicati, ogni elemento è pensato per arricchire questa esperienza, sottolineando come la cucina non sia solo un granello di sabbia, ma un’entità fondamentale in qualsiasi patrimonio culturale.