Granita alla siciliana, per una colazione fresca e gustosa

  • Con la brioche, al cucchiaio, o direttamente dal bicchiere con una cannuccia: la granita siciliana è perfetta anche per la sua versatilità e la comodità di consumazione. Per uno spuntino o a colazione, è dissetante e zuccherina, un ottimo assaggio da concedersi in qualsiasi momento della giornata.

    La Granita, prodotto storico della Sicilia

    E non solo: pur nella sua semplicità, la granita rappresenta per la Sicilia un prodotto storico, la cui prima apparizione si fa risalire alla dominazione araba. Gli arabi avevano infatti introdotto la ricetta dello sherbet, una bevanda ghiacciata aromatizzata, che è stata in seguito modificata con ghiaccio e neve: successivamente, nel Sedicesimo secolo, grazie alla realizzazione di uno speciale strumento utile alla conservazione del ghiaccio e che ne preveniva la formazione in blocchi troppo grossi, si è giunti alla produzione della granita come è conosciuta attualmente.

    Come si prepara la granita alla siciliana

    Anche la preparazione del dolce si svolge attraverso diversi passaggi: dopo aver fatto riscaldare acqua e zucchero in un recipiente di vetro, si aggiunge del succo di limone o qualunque altro ingrediente aromatizzante, per poi porre il composto nel congelatore. Ogni venti minuti circa è necessario mescolare e rimuovere il ghiaccio in eccesso, fino a ottenere la consistenza corretta, pronta da gustare!

    La vera colazione siciliana

    Accompagnata dalla classica brioscia col tuppo per una ricca colazione, la granita conquisterà ogni palato con la sua molteplicità di gusti, legati alle materie prime presenti sul territorio: dagli agrumi al gelso, non mancano le più dolci alla mandorla, al fico d’india e al cioccolato. E per rendere ogni dolce pausa ancora più golosa, basta aggiungere della panna: indimenticabile!